E’ una rivoluzione rock

Venerdi, 24/11/1989 Se c’è un posto nel mondo dove mi piacerebbe essere oggi è Praga. Quello che sta succedendo in questi giorni, col partito comunista che oggi ha ufficialmente gettato la spugna sotto la spinta popolare, col richiamo di Dubcek, il vecchio fautore del socialismo dal volto umano, da un esilio in patria e la affermazione di un intellettuale dissidente … Continua a leggere

La speranza che viene dal Brasile

Giovedi, 16/11/1989 Ho seguito con una certa curiosità le elezioni brasiliane, le prime elezioni svolte democraticamente dal 1960 in Brasile. Due i contendenti: da una parte il “liberista” Fernando Collor de Mello, giovane (appena 40 anni) e atletico (celebre un suo spot elettorale dove si esibisce in qualche maschia bracciata in piscina) dall’altra il grigio e barbuto sindacalista Luiz Inacio … Continua a leggere

Andreotti 6

Domenica, 23/07/1989 Ventata di novità sulla scena politica italiana: domani comincerà i lavori il governo presieduto da un giovanotto di nome Giulio Andreotti, che sarà per la sesta volta Presidente del Consiglio. Sempre pentapartito con DC, PSI, PSDI, PRI e PLI sulla barca. Complimenti al Divo Giulio, io invece domani me ne parto per l’Europa, prima destinazione Francoforte. Video del … Continua a leggere

Austria in Europa

Lunedi, 17/07/1989 Notizie dal mondo: finalmente quegli extracomunitari degli austriaci si sono rinsaviti e hanno presentato la domanda d’adesione alla Comunità Europea. Dai, che questa integrazione europea comincia a decollare. Adesso aspettiamo fiduciosi al varco questi “testoni” di svizzeri! Video del giorno: la trovo odiosissima, ma è di grande successo, The look dei Roxette, i novelli ABBA: Roxette_-_The_look Caricato da … Continua a leggere

Pink Floyd in Venice: the day after

Domenica, 16/07/1989 Dopo essere stati in giro tutta la notte a ballare e passeggiare in una Venezia sconvolta dall’invasione di 200.000 persone, in un’atmosfera di rara eccitazione resa febbrile dai pericoli corsi, lo spettacolo cui abbiamo assistito alle prime luci dell’alba affacciandoci su Piazza San Marco deserta va al di là di qualsiasi descrizione possibile. Piazza San Marco era tutta … Continua a leggere

Pink Floyd a Venezia, ovvero il concerto del secolo

Sabato, 15/07/1989 Stamattina siamo partiti piuttosto presto col treno da Bassano per vederci il concerto dei Pink Floyd: oltre a me, Parola e le due danesi, si sono aggregati Romi, suo fratello e un amico del fratello. Il tam-tam degli ultimi giorni che era giunto fino alla piazza bassanese prefigurava un esodo di massa verso Venezia, per cui all’insegna del … Continua a leggere

Gita a Padova

Venerdi, 14/07/1989 Anche se l’amica di Ilse (ndr si chiama Signe) non è così spettacolare come si aspettavano nella mia compagnia, da quando sono arrivate le due girls dalla Scandinavia, il campanello di casa mia si sta surriscaldando. Oggi che avevamo in programma una gita pseudoculturale a Padova c’è stata l’adesione del sempre ottimo Parola, che da buon latin lover … Continua a leggere

Maturità, tutto finito

Lunedi, 10/07/1989 Oggi ho fatto il tanto fatidico esame orale. Dovevo iniziare alle otto e mezza, ma, siccome alle otto ero davanti alla porta e la commissione era già bell’e pronta, abbiamo leggermente anticipato. In pratica alle otto e mezza ero già fuori e devo dire che è stata proprio una formalità. Un pò di domande “a sorpresa” di storia … Continua a leggere

Election day

Venerdi, 30/06/1989 Distratto come sono dalla maturità (i primi orali stanno cominciando), non ho avuto gran tempo di soffermarmi sulle elezioni europee. Quei polli come me che si erano illusi sulle possibilità del Polo Laico (d’ora in poi Pollo Laico) si sono dovuti ricredere. Alla fine è stato il solito plebiscito scudocrociato (32,91%), ma va sottolineata anche la tenuta del … Continua a leggere

La rivincita dei basettoni

Lunedi, 15/05/1989 El pueblo ha sentenziato: Carlos Menem, il pittoresco candidato giustizialista (peronista) alla presidenza dell’Argentina, sarà il prossimo presidente della nazione sudamericana.   Soprannominato “patillas”, ossia “basette” (e dalle foto credo sia anche chiaro perchè), Menem ieri ha battuto in scioltezza il candidato della Unión Cívica Radical, Eduardo Angeloz: 47% dei voti contro il 32%.         … Continua a leggere