Terremoto a San Francisco

Martedi, 17/10/1989 E così alla fine è arrivato qualcosa che assomiglia al temuto Big One, o quanto meno un suo cugino bastardo. Non ci sono parole per descrivere quello che sta accadendo oggi a San Francisco. Ponti crollati, autostrade rivoltate come un piatto di tagliatelle, case sfracellate. Il terremoto di oggi, 6,9 scala Richter sta causando migliaia di sfollati, ma … Continua a leggere

Andreotti 6

Domenica, 23/07/1989 Ventata di novità sulla scena politica italiana: domani comincerà i lavori il governo presieduto da un giovanotto di nome Giulio Andreotti, che sarà per la sesta volta Presidente del Consiglio. Sempre pentapartito con DC, PSI, PSDI, PRI e PLI sulla barca. Complimenti al Divo Giulio, io invece domani me ne parto per l’Europa, prima destinazione Francoforte. Video del … Continua a leggere

Austria in Europa

Lunedi, 17/07/1989 Notizie dal mondo: finalmente quegli extracomunitari degli austriaci si sono rinsaviti e hanno presentato la domanda d’adesione alla Comunità Europea. Dai, che questa integrazione europea comincia a decollare. Adesso aspettiamo fiduciosi al varco questi “testoni” di svizzeri! Video del giorno: la trovo odiosissima, ma è di grande successo, The look dei Roxette, i novelli ABBA: Roxette_-_The_look Caricato da … Continua a leggere

Election day

Venerdi, 30/06/1989 Distratto come sono dalla maturità (i primi orali stanno cominciando), non ho avuto gran tempo di soffermarmi sulle elezioni europee. Quei polli come me che si erano illusi sulle possibilità del Polo Laico (d’ora in poi Pollo Laico) si sono dovuti ricredere. Alla fine è stato il solito plebiscito scudocrociato (32,91%), ma va sottolineata anche la tenuta del … Continua a leggere

Massacro a Tienanmen e morte del sogno cinese

Domenica, 04/06/1989 Già ieri sera al tiggì cominciavano a rimbalzare le drammatiche notizie da Pechino. A quanto pare, una volta calata la notte, l’esercito ha fatto irruzione travolgendo centinaia di studenti e sparando ad altezza d’uomo. Impossibile fare un computo delle vittime, ma è certo che è stato compiuto un massacro. Tramite un mio amico il cui fratello studia Lingue … Continua a leggere

Il mondo guarda Tienanmen

Sabato, 03/06/1989 Mentre pian pianino la Maturità si avvicina inesorabile, ma sono tutto sommato tranquillo (non potevo chiedere di meglio, portare Storia e Italiano agli orali… per gli scritti ci si arrangerà), si segue sempre con maggiore apprensione quanto sta succedendo a Pechino. Com’è noto, da circa un mese gli studenti cinesi stanno occupando la piazza principale di Pechino, Tien … Continua a leggere

C’è la crisi di governo, tanto per cambiare

Domenica, 21/05/1989 E così anche De Mita ha gettato la spugna. Dopo poco più di 400 giorni, il governo abbandona e rimette il mandato. Paradossale il nostro paese: le cose in economia vanno benone, ma sotto l’apparente stabilità garantita dal pentapartito in realtà cova un’instabilità politica seconda a pochi altri paesi moderni. E un esecutivo privo di consenso non riesce … Continua a leggere

La rivincita dei basettoni

Lunedi, 15/05/1989 El pueblo ha sentenziato: Carlos Menem, il pittoresco candidato giustizialista (peronista) alla presidenza dell’Argentina, sarà il prossimo presidente della nazione sudamericana.   Soprannominato “patillas”, ossia “basette” (e dalle foto credo sia anche chiaro perchè), Menem ieri ha battuto in scioltezza il candidato della Unión Cívica Radical, Eduardo Angeloz: 47% dei voti contro il 32%.         … Continua a leggere

Solidarnosc, finalmente!

Martedi, 18/04/1989 Leggo sul giornale di oggi che finalmente in Polonia Solidarnosc è stata riconosciuta ufficialmente. Credo che sia il primo, vero, passo tangibile del fatto che pian pianino i paesi dell’est si stiano aprendo ad un processo di democratizzazione che non è solo economico, ma finalmente anche politico ed istituzionale.   Ah, che bello vedere a scuola che gli … Continua a leggere

Insediato il nuovo presidente USA

Venerdi, 20/01/1989   S’è svolta oggi in una grigia Washington una cerimonia di insediamento molto scialba del nuovo presidente George Bush. Adesso c’è da pregare che Dio ce lo tenga in salute per i prossimi 4 anni: se venisse a mancare, assumerebbe la presidenza Dan Quayle (circostanza rispetto alla quale lasciare un bambino nella sala col bottone che spara l’atomica … Continua a leggere