Vento di cambiamento ad Est

Venerdi, 25/08/1989

Mi trovo in Inghilterra con accesso limitato ai mezzi radio-televisivi e in una casa dove la terza pagina del Sun è forse l’unico giornale presente, ma lo stesso sto riuscendo a tenermi in qualche modo aggiornato su quello che sta succedendo nel mondo.

iron curtain.jpgPare che in est Europa stia succedendo di tutto. Non solo qualche giorno fa in Polonia Jaruzelski ha nominato Primo Ministro un dirigente di Solidarnosc, il cattolico Tadeusz Mazowiecki, non solo l’Ungheria ha smantellato la frontiera di filo spinato con l’Austria, ma anche dall’interno dell’URSS arrivano notizie al limite dell’incredibile.
Due milioni di cittadini in Estonia, Lettonia e Lituania lo scorso fine settimana hanno formato una catena umana di 600 kilometri per simboleggiare la loro richiesta di indipendenza.
Rimane da capire cosa farà Gorbaciov: il timore di una reazione non proprio soft per accontentare i conservatori, dopo le mille umiliazioni subite nei parlamenti e nelle piazze degli ormai ex-alleati, è forte.

Video del giorno: non poteva che essere Wind of change degli Scorpions!

Vento di cambiamento ad Estultima modifica: 2009-08-25T11:30:00+02:00da 20annifa
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Vento di cambiamento ad Est

Lascia un commento