Welcome back

01/10/1987, Giovedì

Quest’estate è volata. Sei settimane di America, assaporando una libertà indescrivibile. Tante cose viste, provate, che non è necessario mettere nero su bianco, tant’è sicuro che mi rimarranno dentro.
In America il mio inglese ha subito una regressione impronosticabile nelle ultime quattro settimane, che ho passato al campus della EF di San Diego frequentando intensivamente ragazze giapponesi, francesi e spagnole che non avevano un grosso livello di inglese (ma altre qualità forse sì…): non credo comunque si possa dire che sono stati soldi buttati 🙂

E’ ripresa la scuola, due visi nuovi, una ragazza da Vicenza che sembra molto sveglia ed un ragazzo vicentino-romano-veneziano (anche lui un pò uno sradicato come me, dunque), coi quali ho subito legato.

Quest’estate, tra le altre cose, è stato ripreso Vallanzasca: se l’è spassata un paio di settimane e quando è stato fermato da un posto di blocco dei Carabinieri non ha opposto resistenza.
Sono morti il gerarca nazista Rudi Hess ed il comico Bombolo (nessuna relazione tra i due, per carità!).

Ben Johnson ha messo in riga quello sbruffone di Carl Lewis ai Mondiali di Atletica a Roma e gli americani hanno perso la finale di basket ai Giochi Panamericani contro il Brasile dell’incredibile Oscar Schmidt, la mitragliatice umana: è la seconda sconfitta in tornei ufficiali per gli americani dopo la beffa di Monaco 1972 contro l’URSS.

Ieri sera, in Coppa Campioni, Napoli sfortunato ma anche oggettivamente un pò spuntato per pensare di buttare fuori il Real Madrid: ci si aspettava il miracolo da Maradona, ma una zampata del Buitre ha tagliato le gambe ai partenopei.
Assurdo comunque che i campioni d’Italia incontrino una squadra come il Real Madrid al primo turno della massima competizione continentale… evidentemente ci sono delle regole da modificare nelle logiche di sorteggio.
Il campionato non è iniziato benissimo per la mia Juve, nonostante il calendario più che agevole: vittoria striminzita in casa col Como alla prima giornata, scivolone ad Empoli nella seconda solo parzialmente compensato dalla vittoria 3-1 in casa col Pescara, dove almeno si è sbloccato Rush con una doppietta delle sue.

Speriamo sia l’inizio di un bel filotto, vale sempre la scommessa di mezz’estate (20 goals e titolo di capocannoniere).

Canzone del giorno, il leit motiv di quest’estate chiusa ed archiviata: l’odiosissima La Bamba 🙂

 
Welcome backultima modifica: 2007-10-01T18:00:00+02:00da 20annifa
Reposta per primo quest’articolo